itenes
Follow Us

Gli scambi CINA-HONG KONG tornano lentamente alla normalità

Gli scambi CINA-HONG KONG ritornando lentamente alla normalità

I volumi di carico tra Hong Kong e la Cina “stanno gradualmente tornando alla normalità” quando la produzione nella terraferma inizia a stabilizzarsi dopo settimane di blocco a causa dello scoppio del Covid-19. I dati dell’Hong Kong Air Cargo Terminals Limited confermano che Hong Kong continua a facilitare l’import e l’export dalla Cina nel resto del mondo, poiché le cancellazioni di voli rimangono ancora in gran parte in vigore.

I volumi stanno tornando gradualmente alla normalità, ma è difficile fare previsioni su quando potremmo vedere una ripresa duratura, perché grandi parti del mondo sono ancora in blocco. Le compagnie aeree inizialmente cancellarono oltre 200.000 voli, principalmente da e verso la Cina a causa del virus, ma la diffusione mondiale dell’epidemia ha costretto le compagnie aeree ad interrompere anche la maggior parte delle operazioni altrove.

Hactl, il più grande cargo handler indipendente di Hong Kong, ha osservato che al momento non ci sono restrizioni alla circolazione di merci via aerea da Hong Kong, poiché i trasportatori del settore stanno offrendo maggiore capacità aerea in un momento in cui i servizi passeggeri sono ridotti. Il quadro è ancora complesso. Le esportazioni cinesi sono ancora in calo poiché la loro industria è ritornata in ritardo al lavoro, ma sembra che i traffici siano in aumento in Cina attraverso Hong Kong, a causa dei gravi tagli dei voli passeggeri e della capacità di stivaggio.

Si registra un crescente aumento delle spedizioni merci via aerea mentre i governi e le imprese si affrettano a trasportare forniture mediche necessarie dalla Cina. Molti operatori sostengono che ci sia in atto un passaggio dal trasporto via mare alla via aerea, dato che gli importatori di tutto il mondo adottano misure urgenti per ricostituire le scorte dopo mesi di blocco.

Il volume di transito merci all’aeroporto internazionale di Hong Kong (HKIA) è diminuita del 10,4% su base annua a gennaio a causa della chiusura di fabbriche e attività commerciali nella Cina continentale durante le vacanze di Capodanno cinese. Le importazioni sono diminuite del 15% durante il periodo, i trasbordi sono diminuiti del 10% e anche le esportazioni sono diminuite del 9% a causa del forte impatto del traffico da e verso l’Asia e il Nord America.

Anche a febbraio, i volumi a Hong Kong sono ulteriormente calati di un altro 8,9% a causa dell’impatto della pandemia di coronavirus e della recente ripresa delle fabbriche della Cina continentale. Questa volta, il Nord America e i mercati europei hanno visto il calo più significativo.

Nel complesso Hong Kong ha subito un calo nel traffico, ma non come era atteso. Tutti le parti della filiera stanno tentando di ripristinare le catene di approvvigionamento. Le attività manifatturiere in Cina hanno ripreso la produzione e sono già all’80%, ma la catena di approvvigionamento è ancora debole perché la fornitura di parti e materie prime rimane incerta.

Al momento, quasi il 95% delle merci in export è influenzato da ritardi, interruzione della catena di approvvigionamento e annullamento degli ordini,  perché le tariffe di trasporto sono state aumentate di oltre il 30%” ed i servizi sono non affidabili.

Dato che la Cina continentale ha iniziato il blocco a fine gennaio, il traffico passeggeri regionale è stato interessato per primo, e con esso è andata a vuoto la capacità della stiva dei voli passeggeri, che rivestono un ruolo importante all’interno dell’Asia. I voli charter a lungo raggio, tuttavia, non sono stati molto colpiti, ha aggiunto.

All’inizio di marzo, con la pandemia e il successivo blocco globale, gli acquirenti occidentali hanno proceduto al blocco delle spedizioni, all’annullamento, al rifiuto, al mancato ritiro di quelle arrivate, o a richiedere l’allungamento dei periodi di credito. I nuovi ordini sono scarsi, e in effetti il ​​rischio è elevato per un nuovo calo degli ordini.

TítoloGli scambi CINA-HONG KONG ritornando lentamente alla normalità
ArgomentoTrasporti Aerei
FonteAsia Cargo News
We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Cookies Policy

Cookies Policy