Call US: +39 081 5846569

Tel: +39 081 5846569 | sales@cargomar.it

Incoterms 2010

INCOTERMS, contrazione di International Commercial Terms, è la serie di termini utilizzati nel campo delle transazioni internazionali di merci, valida in tutto il mondo, che definisce in maniera inequivocabile diritti, doveri, oneri e costi dei vari soggetti coinvolti in una operazione di trasferimento di beni tra diversi paesi.

La versione più recente, aggiornata in sede di Camera di Commercio Internazionale, è quella del 2010 che riduce i Termini di Consegna da tredici ad undici, operando la soppressione di DDU, DEQ, DES e DAF e creandone due nuovi, tra i quali è da evidenziare l’importanza del DAT (Delivered At Terminal) che prende in considerazione quale luogo di consegna il Terminal, termine attualmente molto utilizzato soprattutto per la merce in containers.
L’elenco completo degli Incoterms 2010 e loro raggruppamento:

INCOTERMS 2010 clip_image002 clip_image004 clip_image006 clip_image008 clip_image010 clip_image012 clip_image006_0000 clip_image013 clip_image015
EXW:Ex Works Cost
Risk
FCA: Free Carrier at   Cost
  Risk
FAS: Free Alongside Ship   Cost
  Risk
FOB: Free On Board   Cost
  Risk
CFR: Cost & Freight   Cost
  Risk
CIF: Cost Ins. & Freight   Cost
  Risk
CPT: Carriage Paid   Cost
  Risk
CIP: Carriage & Ins. Paid To   Cost
  Risk
DAT: Delivered At Terminal   Cost
  Risk
DAP: Delivered At Place   Cost
  Risk
DDP: Delivery duty paid   Cost
  Risk
Seller /Plant  Custom Terminal   POL Carrier   POD Terminal Import Buyer / Plant
Legenda Seller
Buyer
Breve descrizione degli Incoterms 2010
Regole per qualsiasi modo o modi di trasporto:

  • EXW “Franco fabbrica”
    significa che il venditore effettua la consegna quando mette la merce a disposizione del compratore presso la sede del venditore o in altro luogo convenuto (ad esempio la fabbrica, il magazzino, ecc.) Il venditore non ha bisogno di caricare la merce sul mezzo di prelevamento, né ha bisogno di sdoganare le merci per l’esportazione, qualora tale abilitazione è applicabile.
  • FCA “Franco Vettore”
    significa che il venditore consegna la merce al vettore o un’altra persona designata dal compratore presso la sede del venditore o in altro luogo convenuto. Le parti farebbero bene a specificare più chiaramente possibile il punto definito “luogo di consegna”, visto che il rischio passa al compratore in quel definito punto.
  • CPT “Luogo Convenuto”
    significa che il venditore consegna la merce al vettore o un’altra persona designata dal venditore in un luogo convenuto (luogo preventivamente concordato tra le parti) e che il venditore deve stipulare contratti e pagare le spese di trasporto necessarie per portare le merci al luogo di destinazione.
  • CIP “Trasporto e assicurazione pagati fino a”
    significa che il venditore consegna la merce al vettore o un’altra persona designata dal venditore in un luogo convenuto (se tale luogo è concordato tra le parti) e che il venditore deve contrattare e pagare le spese di trasporto necessarie per portare la merce nel luogo di destinazione. Il venditore stipula una copertura assicurativa a favore del compratore, per la perdita o per i danni alla merce durante il trasporto. Il compratore deve notare che sotto CIP il venditore è tenuto ad ottenere soltanto una copertura assicurativa minima. Se il compratore desidera avere una maggiore protezione assicurativa, sarà necessario accordarsi con il venditore o stipulare a proprie spese un’assicurazione supplementare.
  • DAT “Consegna al Terminal”
    significa che il venditore effettua la consegna quando la merce, una volta scaricata dal mezzo di trasporto che arrivano, è messa a disposizione del compratore in un precisato terminale nel porto o nel luogo di destinazione. Per “Terminal ” si intende un posto, coperto o meno, una banchina, un magazzino, un terminal container, terminal ferroviario o un terminal cargo aereo. Il venditore si assume tutti i rischi relativi al trasporto della merce fino al terminal nel porto o nel luogo di destinazione.
  • DAP “Consegna in luogo stabilito”
    significa che il venditore effettua la consegna quando la merce viene messa a disposizione dal compratore sui mezzi di trasporto che arrivano pronti per lo scarico nel luogo di destinazione. Il venditore si assume tutti i rischi relativi al trasporto della merce fino al luogo convenuto.
  • DDP “Delivered Duty Paid”
    significa che il venditore consegna la merce quando i beni sono messi a disposizione del compratore, sdoganata all’importazione sui mezzi di trasporto che arrivano pronti per lo scarico nel luogo di destinazione. Il venditore sopporta tutti i costi ed i rischi relativi al trasporto della merce fino al luogo di destinazione e ha l’obbligo di sdoganare le merci, non solo per l’esportazione, ma anche per l’importazione, pagare alcun dazio sia per l’esportazione e l’importazione e di procedere a tutte le formalità doganali formalità.
Regole per i trasporti marittimi e le vie navigabili:

  • FAS “Franco Lungo Bordo”
    significa che il venditore ha l’obbligo di consegnare la merce sottobordo nave (ad esempio, una banchina di carico o una chiatta) nel porto d’imbarco indicato dal compratore. Il rischio di perdita o di danni alla merce passa quando le merci sono lungo il bordo nave. Il compratore sopporta tutte le spese da quel momento in avanti.
  • FOB “Porto di Imbarco onvenuto”
    significa che il venditore consegna la merce a bordo della nave designata dal compratore nel porto d’imbarco. Il rischio di perdita o di danni alla merce passa quando le merci sono a bordo della nave, e il compratore sopporta tutte le spese da quel momento in poi.
  • CFR “Costo e Nolo”
    significa che il venditore consegna la merce a bordo della nave. Il rischio di perdita o di danni alla merce passa quando le merci sono a bordo della nave. Il venditore deve pagare le spese ed il nolo richiesti per portare la merce fino al porto di destinazione.
  • CIF “Costo, Assicurazione e Nolo”
    significa che il venditore consegna la merce a bordo della nave. Il rischio di perdita o di danni alla merce passa quando le merci sono a bordo della nave. Il venditore deve stipulare contratti e pagare le spese necessarie per portare le merci al porto di destinazione.
    “Il venditore stipula i contratti per la copertura assicurativa contro il rischio del compratore di perdita o di danni alla merce durante il trasporto. Il compratore deve notare che acquistando la merce su base CIF il venditore è tenuto ad ottenere soltanto una copertura assicurativa minima. Se il compratore desidera avere una maggiore protezione assicurativa, sarà necessario accordarsi preventivamente con il venditore o fare egli stesso un’assicurazione supplementare”.
Back to Top