Amazon mette nel mirino i Freight Forwarders

Gli spedizionieri ed i corrieri sono avvisati. Amazon ha avviato la sua piattaforma di brokeraggio merci digitale su freight.amazon.com.

La previsione apocalittica è stata fatta dall’analista di Morgan Stanley, Brian Nowak, dopo aver letto il commento di un cliente che rispondeva all’annuncio di Amazon nel quale rivelava l’avvio del servizio di spedizioni gratuite ai membri Prime. Con questo servizio Amazon aumenta le aspettative dei consumatori ed i costi per competere nell’e-commerce. A lungo termine, questo diventerà il cavallo di Troia che farà crescere la sua prossima attività … “una rete logistica di terza parte, secondo Nowak.

Amazon muove un’enorme quantità di merci attraverso i suoi centri di distribuzione e smistamento e dispone di una vasta rete di trasportatori diretti. Per molti osservatori, era solo questione di tempo prima che Amazon sfruttasse la sua rete e collegasse entrambi i lati della sua attività logistica.

Un ex dirigente di Amazon ha spiegato la strategia di disintermediazione del gigante dell’e-commerce. “I vantaggi che derivano dalla disintermediazione e dalla monetizzazione di queste capacità sono secondari rispetto al bisogno immediato di autoconservazione, ma serve a soddisfare il bisogno della capacità di Amazon di continuare a sostenersi“, ha scritto il veterano di Amazon. “Questa innovazione e crescita si manifesta poi come in continua evoluzione verso la capacità di vendere tutto. Questo è il vero volano di Amazon: disintermediato per sopravvivere, monetizzare per finanziare l’innovazione, innovare per crescere, disintermediato per sopravvivere …“. Disintermediazione significa “riduzione dell’uso di intermediari tra produttori e consumatori“!

L’ingresso di Amazon nel settore del trasporto merci è la fase “disintermediata per sopravvivere”. Oggi offre i servizi di trasporto negli Stati del Connecticut, del Maryland, del New Jersey, di New York e della Pennsylvania, ed ha già quotato i prezzi di mercato inferiori, dal 26 al 33%. Amazon con questa stessa strategia ha spazzato via il business dei libri. Nel 2011, Borders Books era fuori mercato e oggi Barnes & Noble è appeso a un filo. Poi Amazon ha colpito l’intera industria al dettaglio. Proprio nell’ultimo anno, Sears, David’s Bridal, Mattress Firm, Brookstone, Rockport, Nine West, Claire’s e Bon Ton hanno chiuso per fallimento.

Amazon ha necessità di far aumentare nuovamente le sue entrate, che sono passate da un +30% all’anno, di tre anni fa, a meno del 15% previsto per quest’anno e non può consentire alle limitate capacità degli autotrasporti di limitare la sua crescita e pertanto ha scelto di inserirsi nel settore per aumentare tale capacità. Da una rapida rassegna dell’attuale offerta di Amazon Freight, è chiaro che Amazon non vuole realizzare grossi margini lordi, ma ha invece massicciamente abbassato i prezzi di mercato.

Amazon è già attivo con il trasporto marittimo asiatico verso il Nord America ed è entrata nella top ten degli spedizionieri internazionali. Ha già trasferito gran parte del proprio trasporto merci tramite carrier di terze parti, ed è stato in grado di diventare un broker per altre società che hanno bisogno di spostare merci. Amazon offre il suo servizio di intermediazione senza markup, riducendo i margini per i suoi concorrenti e potrebbe facilmente far crescere questa attività di brokeraggio con un’operazione da $ 10 miliardi all’anno, vendendo capacità al costo.

L’industria dell’autotrasporto chiama questo stratagemma “Georgia Overdrive“. Non si può dire quanto Amazon voglia far crescere il proprio commercio merci, ma a un certo punto aumenterà i prezzi monetizzando il servizio di intermediazione per finanziare altre innovazioni.

Fonte: WEB